Cloud Security: ecco come si sta evolvendo la sicurezza informatica aziendale

Cloud Security | sicurezza del Cloud | proteggere i dati nel Cloud

 

Parlare di Cloud Security è fondamentale, perché nel processo di digitalizzazione aziendale il Cloud computing è ormai una realtà affermata ed è necessario che le persone che utilizzano quotidianamente questa tipologia di servizi lo facciano in tutta sicurezza.

Il Cloud è un sistema vastissimo, che offre servizi differenti ma molto utili per lo svolgimento delle attività lavorative quotidiane. Le aziende, soprattutto dopo il 2020, hanno spinto parecchio sullo smartworking e sfruttato ancora di più le metodologie di lavoro Agile: per farlo è stato necessario mettere a disposizione di tutti l’accesso alle risorse e ai dati aziendali. Anche da remoto.

In questo contesto le soluzioni in Cloud si sono rivelate la scelta migliore, perché si tratta di infrastrutture agili e flessibili, che sono diventate il centro della modernizzazione degli ambienti IT. I vantaggi sono quindi indubbi, ma è importante che prima di migrare verso il Cloud si faccia una riflessione sulla sicurezza.

I Cloud permettono di attingere a una vasta mole di dati e servizi aziendali attraverso pc, smartphone e tablet anche personali dei dipendenti. Tutto ciò è utilissimo per chi ha necessità di lavorare da remoto, ma anche l’approccio alla sicurezza aziendale deve mutare di conseguenza. Soltanto così sarà possibile proteggere i dati e le informazioni aziendali da eventuali attacchi informatici.

In questo articolo, cerchiamo di definire meglio che cos’è la Cloud Security, perché è importante e in che modo si distingue dalla sicurezza impiegata nei sistemi tradizionali.

Cloud Security | sicurezza del Cloud | proteggere i dati nel Cloud | soluzioni cloud per aziende

Che cos’è la Cloud Security

Con il termine Cloud Security si indica il ramo della sicurezza informatica che unisce tutte quelle procedure e tecnologie che mirano a proteggere le informazioni, i dati sensibili, le applicazioni e in generale le infrastrutture legate ai servizi Cloud.

Quando un’azienda decide di integrare delle soluzioni Cloud, le soluzioni di Cyber Security fino a quel momento utilizzate per proteggere architetture IT on premise non sono sufficienti. Per le infrastrutture in Cloud, infatti, sono necessarie delle best practice diverse e questo rappresenta una sfida per la sicurezza informatica aziendale.

La transizione verso questo tipo di soluzioni deve essere quindi effettuata in modo sicuro, per poter godere dei vantaggi offerti dal Cloud senza aumentare la vulnerabilità dei propri sistemi.

A differenza dei sistemi tradizionali, nei Cloud c’è un modello di responsabilità condivisa per quanto riguarda la sicurezza. Questa, infatti, deve essere tutelata in parte dal provider di servizi Cloud e in parte dal cliente.  Il Cloud provider è responsabile della sicurezza dell’infrastruttura su cui si basano i singoli servizi, mentre il cliente di quella dei server virtuali e delle applicazioni.

Inoltre spetta sempre al cliente fare molta attenzione alla gestione delle credenziali, per evitare accessi indesiderati che potrebbero rappresentare una grossa minaccia per la sicurezza dei dati.

Cloud Security: gli errori più comuni

Oggi stiamo vivendo una fase in cui il Cloud è visto come un elemento necessario alla trasformazione digitale. Tuttavia ci sono aziende che compiono questa transizione senza avere piena consapevolezza dei rischi legati. Dunque si arriva impreparati alla migrazione e di conseguenza non si prevedono le corrette strategie di sicurezza per la tutela dei dati coinvolti.

Inoltre le aziende spesso lavorano con diversi Cloud provider: questo rende ancora più difficile gestire il Cloud in modo sicuro e configurarlo correttamente, perché ogni piattaforma ha delle specifiche differenti. Accorgersi degli errori può essere complesso e questa difficoltà spesso viene sfruttata dagli hacker per compiere i loro attacchi.

Per minimizzare i rischi sarebbe necessario impostare un meccanismo di Cloud Security Automation, ovvero dei controlli di sicurezza automatizzati, portati avanti in maniera continuativa. Spesso però, proprio per la mancanza di personale con le skills necessarie, si hanno problemi a implementare tali processi. Infine, non bisogna dimenticare che i Cloud sono ambienti che si evolvono continuamente. Riuscire a “stare sul pezzo” in materia di sicurezza, di fronte a un tale contesto, diventa quindi sicuramente complesso.

La mancanza di competenza in Cloud Security e di risorse adeguatamente formate in materia rappresenta un pericolo per la sicurezza informatica delle imprese. Parallelamente alla trasformazione digitale è dunque necessario formare adeguatamente le risorse che dovranno interfacciarsi con i servizi erogati tramite Cloud.

backup aziendale | Cloud Security | sicurezza del Cloud | proteggere i dati nel Cloud

Le soluzioni per proteggere i dati nel Cloud

Esistono diverse soluzioni per preservare la sicurezza degli ambienti Cloud e possono essere implementati in base alle esigenze dell’azienda. Ecco quali sono.

  • Data Loss Prevention (DPL)

Sono una serie di servizi e strumenti che hanno l’obiettivo di proteggere i dati memorizzati attraverso dei sistemi di crittografia e mandano degli avvisi all’utente nel caso vengano riscontrati dei problemi.

  • Identity and Access Management (IAM)

Si tratta di strumenti che permettono di creare delle identità digitali per gli utenti che accedono ai Cloud. In questo modo è possibile monitorare costantemente i loro movimenti e limitare il loro raggio d’azione quando necessario.

  • Security Information and Event Management (SIEM)

È una tecnologia che sfrutta l’intelligenza artificiale ed è in grado di rilevare eventuali minacce e monitorare la sicurezza. In questo modo i team IT possono reagire prontamente di fronte a qualsiasi potenziale minaccia.

Oltre alle misure preventive, è importante che ogni azienda abbia un piano di disaster recovery che includa anche i servizi e la conservazione dei dati basata sul Cloud. Purtroppo, nessuna procedura di sicurezza assicura il rischio zero ed è quindi necessario avere studiato un piano con cui reagire prontamente nel caso in cui vengano rivelate delle vulnerabilità del sistema o si finisca sotto attacco. Soltanto così sarà possibile ritornare operativi e recuperare i dati eventualmente andati in breve tempo.

 

Perché è importante investire nella sicurezza del Cloud?

Sono sempre di più le aziende che hanno scelto il Cloud, per poter avere accesso da qualunque dispositivo e da qualsiasi luogo a informazioni aziendali, dati e applicazioni. La pandemia ha dato una spinta a questo passaggio, ma spesso nelle imprese non ci sono le competenze adeguate per utilizzare i Cloud in completa sicurezza.

I cyber criminali hanno sfruttato tali situazioni per portare avanti degli attacchi mirati, causando spesso degli ingenti danni. Per questo è fondamentale che ogni azienda, parallelamente alla migrazione su Cloud, investa anche in un’adeguata formazione sulle tematiche legate alla Cloud Security.

Se da poco hai implementato un’infrastruttura Cloud nella tua azienda e vuoi scoprire come proteggerla al meglio, contatta un team di professionisti specializzati in Cloud Security.

Call Now Button