Rete VPN aziendale: come funziona e a cosa serve

Smartworking e cybersecurity | vpn aziendale | cybersecurity smartworking | smartworking e sicurezza informatica | sicurezza informatica aziendale

La sicurezza della tua azienda passa anche attraverso la connessione internet. Tutelare la privacy delle migliaia di dati che ogni giorno vengono scambiati tra i computer è fondamentale. Per farlo, è necessario dotarsi di una VPN aziendale.

Una rete aziendale VPN è uno strumento che ti permette di avere una protezione quasi totale delle conversazioni e delle attività che tu e i tuoi dipendenti effettuate online. Oggi la rete non è un luogo sicuro né al riparo da occhi indiscreti, perché viene tenuta traccia di tutte le azioni che svolgiamo.

Per questo, quando non ci limitiamo a utilizzare il web da privati ma lo sfruttiamo per lavoro, proteggersi da occhi indiscreti diventa ancora più importante. In un contesto aziendale, se non si tutela al massimo la connessione, il rischio di un furto di dati è davvero molto alto.

Per evitare di ritrovarsi in situazioni spiacevoli, molto più complesse da gestire a posteriori, il nostro consiglio è di installare una VPN aziendale. In questo articolo, ti spiegheremo in modo chiaro ed esaustivo che cos’è una rete VPN e come installarne e gestirne una al fine di garantire la sicurezza della tua azienda.

Che cos’è una rete VPN?

Innanzitutto, cerchiamo di capire che cosa si intende con VPN. Questo acronimo sta per Virtual Private Network, ovvero “rete virtuale privata”, perché la VPN fa proprio questo: crea un ambiente cifrato in cui far circolare i tuoi dati e nasconde il tuo indirizzo IP, aiutandoti a mantenere anonima la tua identità.

Ma perché è importante che le informazioni circolino in un ambiente protetto?

Ogni volta che ti connetti alla rete avviene uno scambio di dati tra il tuo dispositivo e il web: tutto ciò può essere monitorato dal tuo provider di servizi internet e da terzi che riescono con facilità a intercettare la navigazione. Il loro obiettivo è tracciare e raccogliere informazioni relative allo storico delle tue ricerche sul web, mail e altre informazioni personali.

In un contesto aziendale, accedere al web senza alcuna protezione ti rende vulnerabile alle minacce informatiche. La VPN, invece, crea una sorta di “tunnel” in cui soltanto le risorse interne e i dipendenti, connessi ai suoi server, possono accedere per scambiarsi informazioni in tutta sicurezza. In questo modo, anche gli ambienti cloud sono protetti e per ogni azione svolta è garantito l’anonimato.

rete aziendale vpn

Perché creare una rete aziendale VPN?

Le reti aziendali VPN sono sempre più diffuse, perché difendersi dagli attacchi informatici è ormai diventata una priorità. Inoltre, una VPN è un investimento che ti permette di abbattere i costi IT, perché installandola non avrai bisogno di creare reti private dedicate.

I vantaggi della VPN in azienda

Una VPN aziendale è estremamente versatile e può essere progettata per rispondere alle esigenze del contesto in cui verrà utilizzata, che sia una start-up o un’azienda con migliaia di dipendenti. Infine, per configurare la VPN non serve alcun hardware aggiuntivo, perché si integra perfettamente con l’infrastruttura informatica pre-esistente.

Uno strumento di questo tipo è pensato per rendere più semplici gli ambienti di lavoro, perché:

  • favorisce lo smart working. Tutti i dipendenti possono accedere in sicurezza a risorse aziendali da qualsiasi Wi-Fi. I dati sono protetti anche se ci si connette da reti pubbliche, come quelle delle caffetterie o delle biblioteche;
  • garantisce la protezione su qualsiasi dispositivo, che sia uno smartphone, un pc o un tablet;
  • ti permette di sfruttare server in altri parti del mondo. Potrai quindi testare campagne di marketing in altri paesi o visualizzare contenuti con restrizioni locali.

Una rete aziendale VPN può essere adattata con facilità in caso di modifica delle reti.

VPN aziendale: le tipologie

Le VPN non sono tutti uguali: ne esistono due tipologie principali, che possono essere più o meno funzionali in base alle esigenze della tua azienda. Scopriamo insieme quali sono.

  • VPN per l’accesso remoto: permette ai singoli utenti di connettersi anche da remoto alla rete dell’ufficio. In questo modo, i membri del team possono lavorare in sicurezza fuori sede, riuscendo ad accedere alle risorse private della rete aziendale come se fossero collegati ai server di quella rete. Questa tipologia di VPN è la più semplice ed è adatta per i singoli dipendenti o per le aziende con poche filiali.
  • VPN da sito a sito: è la VPN più utilizzata da grandi società e permette di stabilire connessioni sicure alle aziende con tante sedi. È l’ideale per condividere risorse e informazioni anche tra molte filiali, mantenendo sempre un alto livello di sicurezza.

A questo punto, non ti resta che consultarti con i consulenti IT della tua azienda per capire qual è la VPN aziendale che incontra maggiormente le necessità del tuo business.

Smartworking e cybersecurity | rete aziendale vpn | cybersecurity smartworking | smartworking e sicurezza informatica | sicurezza informatica aziendale

Come installare una VPN aziendale

Se utilizzare una VPN da privato è relativamente semplice, perché è sufficiente abbonarsi a uno dei tanti servizi in commercio, quando si parla di creare una VPN aziendale la situazione si complica. Com’è facile intuire, infatti, per garantire la protezione dei dati a sedi ed eventuali filiali, è necessario un lavoro maggiore.

Come prima cosa bisogna installare un server VPN (chiamato anche VPN Hub) nel data center dell’azienda o nel suo cloud privato. Lì saranno gestiti i tre diversi sistemi di sicurezza della VPN:

  • Il sistema di autenticazione degli utenti;
  • i metodi di cifratura utilizzati per gli scambi di dati nella rete;
  • il firewall che controlla gli accessi alle reti.

Per consentire l’assegnazione di un indirizzo IP diverso, il VPN Hub deve essere connesso a un router (che connette tra loro diverse reti) e ad almeno uno switch (che connette tra loro diversi dispositivi per creare una rete).

Inoltre, tutti i pc, tablet e smartphone che il team utilizzerà per navigare usando la rete VPN si dovranno dotare di un client VPN. Un client VPN è un programma (o parte di esso) che permette lo scambio di dati con un server, come ad esempio è un’estensione per il browser.

Un abbonamento VPN ha un costo contenuto, soprattutto se rapportato a quanto offre. Sul web troverai anche VPN gratuiti, ma per ragioni di sicurezza non ci sentiamo di consigliarli né a privati né tanto meno ad aziende.

Per installare una VPN aziendale e farla funzionare correttamente, rivolgiti a esperti e consulenti in ambito IT. Sapranno consigliarti la soluzione migliore per assecondare le tue esigenze, provvederanno all’installazione della rete e rimarranno a tua disposizione in caso di dubbi e domande.

2 commenti su “Rete VPN aziendale: come funziona e a cosa serve”

  1. Pingback: Infrastruttura cloud e digitalizzazione: best practice per PMI e microimprese 

  2. Pingback: Smartworking e cybersecurity: proteggere i dati quando si lavora da remoto

I commenti sono chiusi.

Call Now Button